La chiesetta di S. Martino (XIV. sec.), dove si riuniva nientemeno che il tribunale dell’Inquisizione per l’Istria. Lo dice anche la scritta sull’architrave dell’entrata: ECCLESIA INQUISIT. ISTRIAE. Vi venne condannato quell’Andrea Cinei giudicato reo di aver diffusonil luteranismo fra i Dignanesi. Il braccio secolare lo condannò a morte (quei tempi tremendi hanno ispirato allo scrittore Fulvio Tomizza il romanzo “Quando Dio uscì di Chiesa”, ambientato in questa cittadina). Oggi ci sono da vedere l’altare ligneo del XVII sec. con una pala della Madonna con il Bambino e i SS. Nicola e Martino

.